Posted by: Erika Becchi Febbraio 28, 2018 1 comment

Local marketing: pensare global, agire local

Social network, siti web, newsletter e motori di ricerca possono servire per promuovere e far conoscere il nostro locale o la nostra attività in tutto il mondo. Internet, infatti, ha rivoluzionato i parametri dell’economia globale e ha permesso la circolazione di un gran numero di informazioni, oltre a fornire potenti mezzi che le aziende possono utilizzare per far conoscere la propria attività. Tuttavia, l’utilizzo più concreto ed efficace dei vari strumenti di marketing online è quello rivolto alla comunità locale.

Il web è diventato oggi uno strumento facile e comodo che utilizziamo in ogni occasione della giornata per cercare attività di diverso tipo, dal negozio al ristorante, dal parrucchiere al supermercato, per conoscerne gli orari di apertura, l’ubicazione e molte altre informazioni. Quando si tratta di scegliere un locale per una cena o un pranzo oppure un albergo o una struttura turistica, inoltre, il nostro sguardo va anche alle recensioni lasciate dai clienti. Proprio per la grande mole di informazioni sulla nostra attività che circola incontrollata sul web è necessario strutturare bene un piano di local marketing. Anche i clienti più affezionati e quelli geograficamente più vicini utilizzano i dispositivi mobile per raccogliere informazioni sul nostro locale. Essere presenti online e coerenti con quanto offerto nella vita reale è, quindi, di grande importanza per la nostra reputazione e per l’andamento economico della nostra azienda. Secondo una ricerca realizzata da Google, il 64% degli utenti che usano dispositivi mobile consultano il proprio dispositivo prima di effettuare un acquisto e il 76% di questi consumatori arrivano poi effettivamente nel locale o nel negozio cercato.

L’obiettivo di un buon piano di local marketing deve essere quello di essere presenti con il proprio locale online e di attrarre quella buona percentuale di potenziali clienti che si muovono sul territorio consultando un dispositivo mobile. Per fare questo esistono una serie di strumenti dotati di grandi potenzialità che, ovviamente, devono essere sfruttate al meglio per ottenere buoni risultati.

Fidelizzare la clientela con le newsletter

Chiedere ai propri clienti di lasciarci il loro indirizzo e-mail è un’operazione semplice che consente di instaurare con essi un rapporto che va ben oltre la loro semplice visita. Un elenco di indirizzi di posta elettronica ordinato e catalogato per diversi tipi di target, infatti, consente di focalizzare meglio il tipo di clientela del nostro locale e dà la possibilità di contattarli in futuro per far conoscere le nostre promozioni e novità. Un buon piano di local marketing potrebbe prevedere, ad esempio, l’invio di una newsletter periodica, senza eccedere e fissando un lasso di tempo ragionevole (ad esempio una al mese più alcune aggiuntive per le festività), attraverso la quale informare in modo semplice e rapido i nostri clienti sulle ultime novità (ad esempio nuovi piatti o nuovi vini in carta) e sulle promozioni.

Chiedere recensioni per ottimizzare il local SEO

“Nel bene o nel male, purché se ne parli”, diceva Oscar Wilde. Il web è un grande catalizzatore per il passaparola, ma questo strumento è, per le aziende, un’arma a doppio taglio se non viene usata più che bene. Il piano di local marketing non può non tenere in considerazione il local SEO, ovvero la geolocalizzazione del nostro locale, che può essere ottimizzata chiedendo ai nostri clienti di parlare del nostro locale sul web. Possiamo chiedere di lasciare una recensione sulla nostra pagina Facebook, Google My Business o su Tripadvisor. In questo modo daremo prova di tenere all’opinione dei nostri clienti, ma dovremo poi essere presenti su questi social per interagire con i clienti, rispondendo sia alle recensioni positive che a quelle negative. Si crea così un giro di passaparola sul web che potrebbe influenzare le scelte dei consumatori locali, che consultano questi social prima di scegliere il locale in cui recarsi. Per questo tenere sotto controllo la nostra reputazione online è fondamentale.

Valorizzare nel locale i contenuti divulgati online

E’ importante che il piano di local marketing preveda una costante sinergia tra comunicazione online e offline. I contenuti divulgati sui social network, nelle newsletter e sul sito web devono trovare riscontro da parte dei clienti una volta che si recano nel nostro locale. Le promozioni annunciate sui social, ad esempio, devono essere visibili anche all’interno del locale. Non solo. Per rendere ancora più efficace la nostra comunicazione online potremmo realizzare un magazine periodico (anche bimensile), che raccolga ad esempio i post più interessanti pubblicati sul nostro blog, oppure le recensioni più carine o divertenti raccolte su Tripadvisor e sugli altri social, o ancora le novità, le ricette e i vini proposti online. La diffusione di questo magazine sarà di tipo prettamente locale e può aumentare anche il traffico online dei clienti.

Far vivere la quotidianità del locale online

Per un buon piano di local marketing è fondamentale rivolgersi alla clientela conoscendo il pubblico di riferimento e la comunità alla quale parliamo. Dobbiamo adottare una comunicazione semplice e coinvolgente, che racconti la quotidianità del nostro locale. Facebook offre oggi un grande strumento come il live, che consente con un semplice telefonino di fare brevi riprese da postare in diretta sulla pagina del proprio locale. Può essere utilizzato per riprendere alcuni passi di una ricetta, un evento particolare, l’arrivo di un ospite famoso, il passaggio di una gara ciclistica e molto altro ancora.

Essere presenti sui motori di ricerca

La presenza del proprio locale sui motori di ricerca, primo tra tutti Google, è fondamentale per essere trovati dai potenziali clienti che si muovono con un dispositivo mobile in mano. Ci sono due tipi di marketing locale che sfruttano i motori di ricerca. Il primo consente di presentare la propria attività locale sulle schede di Google My Business. In questo modo si viene trovati dai potenziali clienti che cercano il nostro tipo di attività su Google, Google+ e Google Maps. Il secondo metodo, invece, fa leva sugli inserimenti pubblicitari online resi possibili a costi contenuti da Google AdWords. Questo strumento consente di realizzare annunci pubblicitari geolocalizzati così come fa anche Facebook For Business, dando la possibilità di raggiungere il proprio target di riferimento.

Tutti questi strumenti sono fondamentali per costruire una buona strategia di local marketing, ma anche i contenuti devono essere studiati per rivolgersi alla comunità locale. Pensare global, quindi, ma agire local. Serve il giusto mix di competenze tecniche, strumenti, piattaforme social, pubbliche relazioni e capacità di storytelling e molta creatività. Un grande lavoro coordinato e preciso, per poter produrre contenuti unici rivolti a una specifica comunità ma presenti in tutto il web.

1 Comment
  • Hello ,

    I saw your tweets and thought I will check your website. Have to say it looks very good!
    I’m also interested in this topic and have recently started my journey as young entrepreneur.

    I’m also looking for the ways on how to promote my website. I have tried AdSense and Facebok Ads, however it is getting very expensive.
    Can you recommend something what works best for you?

    I also want to improve SEO of my website. Would appreciate, if you can have a quick look at my website and give me an advice what I should improve: http://janzac.com/
    (Recently I have added a new page about FutureNet and the way how users can make money on this social networking portal.)

    I have subscribed to your newsletter. 🙂

    Hope to hear from you soon.

    P.S.
    Maybe I will add link to your website on my website and you will add link to my website on your website? It will improve SEO of our websites, right? What do you think?

    Regards
    Jan Zac

Leave a Comment

© 2019. All Rights Reserved – DM – Web Agency