seo blog per ristoranti
Posted by: Antonietta Nardella Marzo 13, 2018 0 comment

Seo blogging per la ristorazione

La ricetta per il successo: perché il tuo ristorante ha bisogno di un blog?

Scommetto che ti hanno sempre suggerito di inserire un blog sul sito del tuo ristorante eppure ti sei sempre chiesto il motivo di tutta questa insistenza. Bè, ti sei domandato a cosa serve veramente un blog? Il blog è una leva formidabile per fare marketing nella ristorazione, ovvero per raggiungere le persone che hanno bisogno di te, del tuo servizio e dell’informazione collegata ad esso. Oggigiorno il blog è una vetrina aperta, la migliore soluzione per accorciare le distanze tra chi cerca e chi offre. È un luogo la cui essenza è condividere contenuti e interagire con il pubblico per creare nuova conoscenza. Nel settore ristorativo il blog è indispensabile come la fogliolina di basilico in un piatto di spaghetti al pomodoro. Raccontare quello che succede nel tuo ristorante, consigliare i migliori piatti del giorno, proporre una cena a tema o semplicemente condividere i segreti di una ricetta gustosa può fare la differenza per i tuoi clienti.  Si sentiranno entusiasti di far parte di una vera e propria community online con cui possono interagire. Il blog infatti è uno strumento trasparente, che unisce e che può apportare al tuo ristorante il giusto riconoscimento che merita.

Fare una perfetta attività di Seo blogging per la ristorazione significa trascinare la tua attività nell’ecosistema digitale, farla comunicare in maniera efficace ed ottenere una buona visibilità sui motori di ricerca in modo tale da farti trovare dalle persone interessate agli argomenti che tratti sul blog e perché no, portarle nel tuo ristorante. 

Ingredienti per il blog

Crea contenuti (interessanti) in ottica Seo

Oggi i contenuti diffusi in rete sono un elemento sempre più importante non solo per fidelizzare i clienti ma anche per indicizzare il sito sui motori di ricerca. Ebbene sì, più il tuo articolo è bene ottimizzato, maggiori sono le possibilità che appaia tra i primi risultati di Google. Il blog del tuo ristorante non solo deve interessare i lettori, deve essere anche costruito in modo tale da essere trovare da Google. Il primo step da superare è l’ascolto. Ascoltare cosa? I bisogni del tuo pubblico, la voce di chi deve usufruire del tuo servizio. Solo quando saprai esattamente cosa vogliono le persone potrai agire, scrivere e condividere. È lui il tuo obiettivo ed è a lui che devi parlare. Una volta intercettato il tuo pubblico puoi iniziare a lavorare sulla ricerca delle keywords, ovvero le parole chiave che descrivono i bisogni e del tuo pubblico di riferimento. Il punto basilare della seo sono proprio le parole chiave che il pubblico utilizza nelle ricerche. Esistono dei tool formidabili per aiutarti nella scelta, dal più utilizzato Google Adwords, keyword planner, Google trends…

Costruita un’architettura delle keywords che vuoi utilizzare, costruisci un piano editoriale, tenendo sempre a mente i tuoi obiettivi (un buon posizionamento, una lista di clienti fidelizzati, branding…e così via).  Inserisci le parole chiave che hai scelto negli articoli che hai preparato, senza forzare l’inserimento. La qualità del testo è indispensabile per una buona ottimizzazione ma privilegiare la seo alza sicuramente le possibilità di successo! Ricorda, anche il contenuto più brillante deve essere ottimizzato altrimenti non avrà alcun valore nell’affollato mondo del web. 

Nonostante sia uno strumento molto semplice da utilizzare, il blog è composto da una serie di elementi che pur essendo intuitivi destano ancora una serie di punti interrogativi agli occhi degli utenti alle prime armi. Ad esempio, sai cosa sono i tag e le categorie di un articolo? I tag e le categorie rappresentano un etichetta da associare all’articolo in modo tale da facilitare l’utente a trovare gli argomenti di suo interesse. Non sottovalutare il loro valore e non dimenticarti di inserirli. Lo stesso discorso può essere affrontato con i “meta tag title”, ovvero il codice html che specifica il titolo di un determinato articolo. Ad esempio: <title> 5 consigli per cucinare pollo e patate <\title>. Ogni articolo deve avere il suo title per essere ottimizzato agli occhi dei motori di ricerca. 

Inserisci i sottoparagrafi attraverso gli H1-H2… (l’H1 è il titolo che vedi quando arrivi sull’articolo ) nel corpo del testo, senza sovrapporli o metterli a casaccio. Il testo deve essere ordinato e ordinati devono essere i sottoparagrafi.  Se ce n’è bisogno richiama un particolare articolo o pagina attraverso un link interno o esterno al sito. Perché? Per due motivi sostanziali: in questo modo migliori la navigabilità del tuo sito (link interni) e permetti l’ottimizzazione seo (link interni ed esterni). Ma attenzione, inserisci un link solo quando serve. Google infatti potrebbe penalizzarti se inserisci i link senza alcun senso logico. Oltre ad esser rilevanti per i motori di ricerca, i link esterni hanno un altissimo valore perché creano un collegamento tra due blog, un’espressione di un segno di interesse verso i contenuti proposti. Ottimizza le immagini che inserisci nell’articolo. Aggiungendo la keyword giusta ( quella specifica che hai utilizzato nell’articolo) nella descrizione della foto e nel “tag Alt” permetti a Google e ai tuoi clienti di trovarti più facilmente.

La cucina è un arte concorrenziale e la tua abilità deve essere l’eccellenza.  Se seguirai questi piccoli e brevi consigli ti assicuro che avrai la tua fetta di felicità. Ma abbi pazienza, i miracoli non esistono!

Leave a Comment

© 2019. All Rights Reserved – DM – Web Agency